Sunday, June 22, 2014

Beer, Soccer and Oneness

Speaking again of the world cup, I was often asked whether I am going to follow the games and (after I commented that I don't follow soccer and that I am completely ignorant) why am I not?…after all this is the World Cup!

Seriously, I am not a soccer fan. I am immune to all the jokes and the comments about my nation's team, whether they sing the anthem or not, whether they suck or not, whether they lose or not…but if with the excuse of a game we decide to go out and have some drinks in front of a TV screen, then I can very well "suffer" together with coach Prandelli about the fate of Italy's team.

So yes, Italy plays its second game at 1am on Saturday, Japan time, and what we decide to do is to get together around 11pm on a Friday, hit the road by car (yes, we are that blessed to have a car, a sober driver, Depeche Mode in the stereo and a table reservation at a British pub in the neighborhood of Tokyo Sky Tree) and rejoice or despair about the result of the game. And laugh at all those poor Japs who passed out at their tables in the middle of the game.

We were the only foreign people in the place, and the loudest of course. D, my one and only sensei, this time was giving the A to Z class on soccer to Jayz, who needed it more than me. I just listened aside, concealing my amazement at how much a person can know about everything…

Anyhow, it was a nice game to watch, with a Costa Rica all into defending and pressing and a Italy with a million of missed chances to score, too close-marked to be performing well. Poor Mario, the lone striker in the team, lost his cool quickly…how to blame him. Italy lost, leaving Gloria (no better choice of a name for a glorious person, man) and Motakis a little annoyed, they needed anything but 1-0 for their betting.

Around 3:30am we hit the road again, the sky already brightening, the roads silent and traffic-free, the cool morning air making me shiver.

There I was in the car, resting my head on my friend's lap and having my moment of connection with the universe, watching the buildings and roads light pass by, nearly oblivious to the conversation, and thinking that I couldn't ask for more: good company, drinks, a ride back home, a hug, kisses and a comfy bed at home where I passed out instantly.

Saturday, June 21, 2014

RIKEN World Cup Fever

World Cup fever is heating up the office corridors. Productivity is decreasing, no other topics but soccer games are all they can talk about, people show up at weird times...if usually we worry about no-shows, we now first check the world cup calendar, wins and defeats, and then we can stop worrying (or worry more).

Late afternoons may just become the best time of the day, not only because yet another working day is over, but also because the boys gather on the lawn to play soccer and I have a very good excuse to go downstairs and support.

There had always been a handful of guys in the division who regularly played soccer during lunch break, but at some point I guess life got busier for them and they stopped. But the other day 13 guys, THIRTEEN! were playing an amazing game.

And world cup it was, with 11 countries represented, everyone bringing their own playing style in.
Players warm up, they make 2 teams, although more players keep coming for the next 30 minutes and just join in, rules are made on the fly, one team even has one reserve, then it all gets confusing when the other team uses the reserve too....ahh, the beauty of a live game! Michi is known to be playing barefoot, how he does I have no idea. Others play bare chest, but, well, it's hot outside (no other reasons other than that I think, no cute girls whom to show off for, so…), besides it doesn't hurt the eye -mine. D wears some shorts that make him look naked from far away apart from a belt, so all one can see in the distance is a tall underfed sumo wrestler who's trying soccer. HAHA. As well as shoeless players, we have players in their Derby's, we have players who dangerously keep their spectacles on, we even have Jayz, sitting on the bench who could play the role of a coach in despair, and we also have unaware victims on the field: grasshoppers, bugs and the like that live in the un-mown flowery meadow…
The game gets entangling, thrilling, the Greek hits the Pole, oh no, the Pole hits the Greek, no they both hit the pole....I can only see a throng around the ball -wait, where's the ball? Man down! Man down!


Game resumes, the Greek screams and shouts, the Italian pushes for some more bravery, the Frenchman puts up the best performance as an impenetrable wall between the goal and the offense, the bballers do what they know best -jump high-, the Pole swears and instigates to violence, fortunately there were no hooligans watching the game or it would have all ended up in a blood bath…
All in all they created a few good actions, assists, crosses, penalties and fails for a long hour. I think that secretly, from the building windows, the whole RIKEN was watching such an amazing game. Also, we were making a lot of noise, but hey, it all happened AFTER regular working hours. We are excused. I am now looking forward to the next exciting game.

After the game was over, the bballers continued to the hoop, and the others went for a cold beer. Life can be good.


La febbre della coppa del mondo riscalda i corridoi in azienda. La produttività scende, non si parla di altro che di partite, la gente si presenta a orari sballati….se di solito ci preoccupiamo se qualcuno non si fa vivo, in questo periodo controlliamo prima il calendario delle partite, poi la classifica e poi sappiamo se smettere di preoccuparci (o preoccuparci di più).

I pomeriggi hanno il potenziale per diventare la parte migliore della giornata, non solo perché un altro giorno lavorativo e' finito ma anche perché i ragazzi scendono giù e giocano a calcio, così che anche io ho una scusa per andare e tifare. Ci sono sempre stati alcuni che giocavano sempre durante la pausa pranzo, ma a un certo punto hanno smesso, visto che la vita e' sempre più piena di impegni, immagino. Pero' l'altro giorno ben tredici colleghi hanno giocato una splendida partita.

E coppa del mondo lo era veramente visto che ben 11 nazioni erano rappresentate, ognuno dei giocatori con il proprio stile in campo.

Inizia il riscaldamento, poi si formano le due squadre, anche se i giocatori continuano ad arrivare nei 30 minuti successivi e semplicemente iniziano a palleggiare, le regole si fanno al volo, una squadra ha pure una riserva, e poi inizia la confusione quando la riserva e' usata per l'altra squadra…il bello della diretta! Michi e' come al solito senza scarpe, come faccia non lo so. Altri giocano senza maglietta, ma vabbe' dai fa caldo (non vedo altro motivo visto che non ci sono belle ragazze in giro per cui farsi notare) e poi, oh, a me non dispiace. Così come abbiamo giocatori scalzi, abbiamo anche giocatori in mocassino, chi si tiene gli occhiali sul naso per tutta la partita, e chi, come Jayz può benissimo ricoprire il ruolo di allenatore, seduto in panchina e che si dispera, e infine abbiamo anche vittime ignare nel campo: grilli, cavallette, insetti vari che ahimè si trovano nel prato sbagliato al momento sbagliato…

Il gioco si fa interessante, il greco attacca il polacco, no il polacco attacca il greco, no il polacco prende il palo…oh, non si vede niente a parte una ressa di giocatori sulla palla, oh no, aspetta dove sta il pallone?, no no uomo a tera!


Il gioco riprende, il greco urla, l'italiano istiga all'attacco, il francese regala la migliore prestazione da portiere, un muro impenetrabile, i cestisti fanno quello se sanno fare meglio ovvero saltano alto, il polacco sbraita e grida alla violenza, e meno male che non abbiamo teppisti tra i tifosi o la partita sarebbe finita in un bagno di sangue…

Alla fin fine il gioco e' stato emozionante, con un bel numero di belle azioni, punizioni eccetera per più di un'ora. Sono convinta che in segreto l'intera azienda ci guardava dalle finestre…del resto non eravamo di certo silenziosi, ma il tutto si e' svolto al di fuori dell'orario lavorativo quindi siamo completamente al sicuro. E ora non mi resta che aspettare la prossima partita. 

Dopo la partita, i cestisti hanno proseguito con il canestro e gli altri siamo andati a farci una birra fresca. La vita può essere bella. 

Tuesday, June 17, 2014

Midsummer - Pensieri sparsi

Halfway point through 2014, and it is time for scrambled thoughts.

You must know that Japanese mothers like buying the same clothes to their children of different age. Not twins, I mean. I haven't understood why they do so, but I often see boys and girls followed by their mini-me little brothers or sisters. So, today, when I saw three girls wearing the same dress I didn't blink. But then I noticed they were of the same height, same size, same shape AND identically dressed. Weird. Only when I could see their face my jaw dropped, as I was staring at triplets! Cute but scary, I felt surrounded by clones.

Yokohama bay area is absolutely wonderful in summer, open, breezy, chilled out. But the water stank so much I had the impression I was walking along Venice canals in a humid hot day….and today was not humid at all, I have to say. Take a mental note not to go again when the tide is at its lowest. But there I was, too late to change my mind, so I took a break, sat in the grass under a tree to eat an apple, just until my nose got used to the new smell. I continued my walk all the way through the bay till I reached Yamashita park, then I picked my perfect spot: a huge tree to lean on, seaside view in the far distance, just to know that water is there. Being near the water, especially when summer comes, is a primary need for me. Water has the calming effect that's needed when life swirls around, it is water I turn to when I want to find peace of mind and relax. I spent the hottest hours of the day sitting under the shade, eating home made food, reading and watching people. There was this kid that was practicing back flips and the like, with no apparent fear of breaking his neck. I feared he would.

There should be more, many more trees all around the bay area. True that there are green spots where to sit and rest, there are promenades, there are paved courts, there is just a lot of space and green. But trees…..just the walk from the island to the park is entirely exposed to the elements, and it is not pleasant at all in a hot day.

I do need a break. Not one like Easter holidays to see family, but a break from everything. I need to run away and meet with my natural element, hear the sound of the waves, feel the freshness on my skin, see the flat, blue expanse and smell the coconut flavor of tanning lotion. I'll just have to make sure to have that break and make it long.


Siamo a meta' strada in questo 2014 ed e' tempo di pensieri sparsi.

Dovete sapere che le mamme giapponesi amano comprare identici vestiti ai loro figli, anche se hanno eta' diverse e anche se non sono gemelli. Non ho mai ben capito il perché ma spessissimo vedo bambini seguiti da identiche miniature di fratelli o sorelle. E oggi, tanto per cambiare, quando ho notato tre bambine con vestiti uguali, non mi sono certo stupita. Pero' ho poi notato che erano esattamente di stesse dimensioni, in aggiunta a essere vestite uguali. Strano. Poi le ho potute vedere anche in faccia e praticamente ho strabuzzato gli occhi, infatti stavo di fronte a tre gemelle! Carine ma mi ha fatto un certo senso vederle, come se fossi circondata da cloni.

La baia di Yokohama e' meravigliosa in estate, soffia una brezza fresca, e' all'aperto, ha un'aria rilassata. Ma l'acqua era talmente stagnante che per un attimo ho avuto l'impressione di essere a Venezia in uno di quei giorni umidi di agosto….e qui non era affatto umido, anzi! Nota mentale, non andare verso la baia nei giorni di bassa marea. Ma e' troppo tardi ormai per cambiare idea, quindi mi sono seduta all'ombra di un albero a mangiucchiare una mela, giusto il tempo per abituarmi all'aria. Poi ho continuato la passeggiata fino a raggiungere il parco Yamashita e ho scelto il mio posto perfetto: un grosso albero frondoso su cui appoggiarmi, vista del mare, giusto per essere sicuri di averlo vicino. Eh, il fatto di essere vicino all'acqua e' una cosa importante soprattutto in estate, e' un bisogno primario. L'acqua ha quell'effetto calmante necessario quando la vita ci avvolge come un vortice, e' all'acqua che mi rivolgo quando ho bisogno di pace mentale e relax. Ho passato le ore più calde della giornata all'ombra del mio albero, con un pranzetto preparato da casa, leggendo e osservando la gente. C'era un ragazzino che si esercitava a fare ogni sorta di salti acrobatici, senza paura alcuna. Io ho avuto paura per lui che si spezzasse il collo.

Dovrebbero piantare molti ma molti più alberi tutt'intorno alla baia. E' vero che ci sono spazi verdi, ampi, piazze, percorsi pedonali e ogni sorta di abbellimento, eppure….ci vorrebbero più alberi. Solo la camminata che separa il parco dall'isola e' praticamente esposta agli elementi, e di certo non e' piacevole in una giornata di caldo estivo.

Ho bisogno di una pausa. Non dico una del tipo vacanze di Pasqua, ma proprio una pausa da tutto. Ho bisogno di andarmene da qualche parte e stare nel mio elemento naturale, ascoltare il suono delle onde, sentire la freschezza sulla pelle, vedere il mare piatto e immenso, sentire il profumo dell'abbronzante al cocco. Devo solo assicurarmi di ottenere questa pausa e farla durare a lungo. 

Sunday, June 8, 2014

Yoga with Lisa

I definitely have been doing more during this weekend than in months. For one thing, I don't remember I have ever slept (forced myself into it, I shall say) till so late in the morning, but that doesn't mean nor imply that I feel rested.

We had a break from the heavy rain today, which meant I could finally do laundry. It also meant that I could go and attend a yoga class in Omotesando by my friend Lisa. I was looking forward to it, and the opening in the clouds was the sign I was waiting for. Super light yoga mat on one shoulder, umbrella in hand, there I go to meet my torturer.

I have attended other classes before, and I haven't. What I mean with it is that I have been trying to include yoga in my daily routines, but without basis. At the beginning I did follow classes in campus that were taught in Japanese -I could understand only half of it, by some instructor who didn't care much about how well or how correct we were executing each pose. Classes thus weren't necessarily leaving me with that feeling of wellness everyone talks about, but at least I could start to learn (more or less well) some of the basic poses (This reminds me that I have to sing up for this month's class!!). So I can't tell if that's attending a class. Then I just went on by myself, watch this, read that, try at home, and so on.

But then my friend got picked to teach two classes (beginner and intermediate) on Sundays at this studio (check her out if you have time, here!), so I took the chance to both see my friend teaching her first class and follow it, this time for real.

She was a bit nervous, as anyone could be at the first class, but she did teach well. At least for my judgment, that is. For once I could execute the series without the need of looking around me to figure out what I was supposed to do because I couldn't understand everything, and she also would walk around and fix this angle or pull that leg more if needed (no pun intended). I mean, yeah, I now know that I wasn't doing many of the poses that correctly. The level of advanced class wasn't so hard for me to follow, given that many of the exercises find a place in my routines already, but in the balance stuff I am still not doing quite well. I should practice more. I see myself going back to her classes from time to time.
As I say, regularity is not in my vocabulary, but anyway there must be other Sundays when I could just hang my mat over my shoulder and take a stroll in Omotesando after three hours of body wellness.


Ho fatto molte più cose in questo fine settimana che in svariati mesi. Una cosa e' che non ricordo di aver dormito fino a tardi come in questi giorni (eh, mi sono forzata pero' eh), anche se questo non implica che mi senta riposata.

La pioggia ci ha dato una tregua oggi, il che significa che ho finalmente fatto il bucato. Significa anche che ho potuto incontrare la mia amica Lisa a Omotesando e seguire la sua lezione di yoga. Non vedevo proprio l'ora, e così visto che il tempo permetteva, tappetino in spalla, ombrello alla mano, vado incontro alla mia torturatrice.

Ho seguito altre lezioni prima, ma non proprio. Nel senso che ho provato a includere qualche esercizio di yoga nella mia routine quotidiana, ma senza basi. Ho incominciato a seguire le lezioni in azienda che erano in giapponese e di cui capivo solo la meta', e tra l'altro l'insegnante non si curava molto su quanto correttamente noi eseguivamo ognuna delle pose. Così che le lezioni non mi lasciavano con quel senso di benessere che tutti dicono che si prova, ma per lo meno da li ho incominciato con le pose più basilari (tra le altre cose, questo post mi rammenta che mi devo registrare per la lezione di questo mese). Quindi, ecco, non so se questo si puo chiamare lezione. Dopo di che ho continuato da sola, guardando qualcosa qui, leggendo qualcosa li e esercitandomi a casa.

Ma poi la mia amica viene scelta per insegnare due lezioni consecutive (base e avanzata) di domenica in questo studio (andate se avete tempo qui!), quindi ho avuto la mia scusa per andare a vedere la mia amica alla sua prima lezione e per una volta seguire anche io ma sul serio stavolta.

Era un pochino nervosa, ma tutti lo sarebbero stati, eppure ha insegnato bene, per lo meno in base al mio giudizio. Almeno per una volta ho potuto seguire le istruzioni senza dover guardarmi attorno per capire cosa si dovesse fare visto che capivo tutto, e poi lei veniva a controllare quello che facevamo e ci correggeva. Infatti ora mi rendo conto che facevo un sacco di cose sbagliate. Il livello della classe avanzata non era tanto difficile da seguire, anche perché molte delle pose stanno già nella mia serie di esercizi. Solo che con l'equilibrio non ci sono ancora tanto. Dovrei esercitarmi almeno due volte al giorno, ma per via di due motivazioni basilari e' impossibile: non ho tempo per adesso e poi non sono costante. Pero' ora la differenza e' che so di più, e mi vedo benissimo a tornare per altre lezioni. 
Certo, visto che costanza non e' una parola del mio vocabolario, non so quanto spesso lo faro', ma ci dovra' pur essere quella domenica in cui semplicemente mi carico il tappetino in spalla e mi faccio una camminata per Omotesando dopo tre ore di benessere corporeo.

Saturday, June 7, 2014

My friend is a Guru

We're officially into the rainy season again, and with it comes the state of misery and uneasiness we inevitable fall in. Damp air doesn't relieve us from the heat of Japanese summers, grey and rainy days don't leave us many options but wishing to be in bed all day. The air stinks, the ground stinks, water stinks, dogs stink, people stink, everything stinks, and everything sticks. Eww.

To crown a semester made of many difficulties, the force of "tsuyu" drags me down further. A meteoropathic lunatic as I am, you see that this season of the year, although it is nearly summer as stated by the position of the earth relative to the sun, isn't pulling out the best of me. What it's pulling out of me is only my energy.

It is in these days when depression becomes my best advisor, it is in these days when I think more about myself and my "first world problems", the well known mantra of what am I doing here and all that….

Well, now, I could just do that….or instead I could go out anyway and meet up with one of the most insightful people and the best life coach and friend I know. Nope, he's not coach D -that's the sports master. I follow coach U for what concerns the personal stuff. I love our introspective talks, I love his useful life hacks, he's always got something new to suggest. We spend hours and hours mentioning books, people -inspiring, influential people- and real cases, we share and compare experiences. And if we do so while sitting inside a cool cafe in Roppongi Hills, watching the uniform grey sky, it's even better. We jump from sociology to psychology, to physics, to computer science, to biology, to behavior analysis, we touch work, colleagues, we move onto friends old and new, we proceed to meditation and healing, philosophy, we weigh the environment we grew up versus the environment we live our adult lives, we plan ahead what to do and where to go next….I always learn a lot from those conversations, I always go back home feeling lighter and richer. 

Today my friend's encouragements energized me and I felt good as it hadn't happened in a long time now. I now know that I have to try physics, not machine learning (I am not giving up on a machine gun against my neighbor though) approaches, to understand stuff and I have to think the way buddhists do. Easier said than done, knowing myself, but see how long I can keep this state of mind for. 

"You don't control what happens to you but how you respond to that. So you may as well respond well." - Ryan Holiday at "Authors at Google"


Siamo ufficialmente entrati nella stagione delle piogge, e assieme a essa arriva anche quello stato di miseria e disagio in cui cadiamo inevitabilmente. L'aria umidiccia non ci rinfresca per nulla dalla calda estate giapponese, le giornate grigie e piovose non lasciano spazio ad altro che al desiderio di starsene a letto tutto il giorno. L'aria e' maleodorante, così come il terreno, l'acqua, i cani, le persone, tutto. E tutto e' appiccicaticcio. Bleah.

A coronare un semestre pieno di difficoltà, ci mancava la forza della stagione piovosa per spingermi ancora più in basso. Da buona meteoropatica lunatica, capite bene che questa stagione dell'anno -seppure e' estate così come si evince dalla posizione della terra rispetto al sole, non rivela certo il meglio di me. Anzi, al contrario si porta via tutte le mie energie.

E' in giorni come questi che la depressione diventa la mia migliore consigliera, e' in questi giorni che mi metto a pensare a me e ai miei "problemi da paese industrializzato", tipo il classico mantra del cosa sto facendo eccetera…

Beh, potrei fare esattamente così…oppure potrei uscire di casa e incontrare una delle persone più profonde e il miglior amico e maestro di vita che conosco. Amo le nostre chiacchierate introspettive, amo i suoi trucchi per affrontare la vita, ha sempre qualcosa di nuovo da suggerire. Passiamo ore e ore a parlare di libri, di altre persone influenti e di casi veri, condividiamo e confrontiamo esperienze. E se ciò accade in un bel caffè a Ropponghi Hills mentre guardiamo il cielo grigio uniforme, e' ancora meglio. Passiamo da sociologia a psicologia, a fisica, informatica, biologia, analisi del comportamento, parliamo di lavoro, colleghi, amici vecchi e nuovi, continuiamo con meditazione e cure, filosofia, soppesiamo l'ambiente in cui siamo cresciuti con l'ambiente in cui viviamo, pianifichiamo cosa fare e dove andare…insomma, io imparo sempre tanto dalle nostre conversazioni e torno sempre a casa più leggera e più ricca.

Oggi l'incoraggiamento del mio amico mi ha dato un po' di energia e mi sono sentita bene come non succedeva da tanto tempo ormai. Ora so anche che devo applicare la fisica e non algoritmi di apprendimento per capire le cose e dovrei pensare di più come i buddisti. Facile a dirsi, conoscendomi, ma vediamo per quanto tempo riesco a mantenere questo stato mentale.

"Non puoi controllare quello che ti succede, ma il modo in cui reagisci. Quindi tanto vale reagire bene" - Ryan Holiday, scrittore, in una sua apparizione a Google.

Tuesday, June 3, 2014

Workplace, workout and golden dancers

Work is an important part of our adult's life, so is workout. Big companies provide their employees with recreational spaces, gyms, reading rooms, and what not. There is a reason for that: healthy mind in healthy body, or in other words brain works better if the body is active. Distractions are paradoxically vital in jobs where the most concentration is required like research, programming, experiment design. Unless one is caught up in some concentration traps, we need to move our eyes away from the screen and do something else for a little.

There's a hoop in our campus, and there are a few chaps in my lab who play basketball, too. Every now and later, near the end of the day, they get together and practice shooting under the tree in the corner, while the sun sets behind Fuji, coating everything red gold. They play, they get sucked up in the game, they shout, they arm-fight, they sweat, then they are back to their desks ready for another round of sharp brain activity (did you know, brain works optimally in cycles of about 90 minutes).

Now, I am not a basketball player, nor a warm fan of the game. Sorry. But I got convinced to get out and watch them play a couple of times, and I liked it. Cheer on people you know is better than cheer on a bunch of players you barely know the names of.

Yesterday they -ballet, goldie, bear, greek freak and some others- all went to play at a nearby court and I tagged along with the excuse of hitching a car ride so that I ended up to be cheering audience. As good as they are at convincing me, I eventually stepped out of my dress and put on my sports gear….FIZZ, BWOOM, BOOSH, BADABOOM! Yes, and I did play nothinglessthan basketball. Sssshwamm!

Coach D being there to give me the 2 minutes all-in-one essential how-to course for beginners, and all the boys being nice pushing me to try, I had no excuses so I played. And even scored once -clearly the beginner's stroke of luck. Pop!

Strokes of bad luck, though, were the ones I blew here and there to everyone I was trying to block. Again, I had no faintest idea that I would end up playing a rough sport (even less that I would end up playing rough), so how could I possibly know to cut my fingernails …
Injuries report: a guy badly slashed along a bicep and on the neck, another guy believed scratched but impossible to state with certainty due to lack of evidence, my pinkie finger swollen due to a collision (impact with basket ball or rather opponent's muscle: undetermined), my other hand's ring finger close to the same fate, a pocket of blood collected under one of my toes due to free-foot-in-soft-shoe (for jogging, actually) friction, sore back. 
Now I can't type and I limp…

Fortunately (or unfortunately, the verdict is still under consideration) I was carrying my running gear, solely with the idea of taking a jog that afternoon after work, but one never knows in life. Better be prepared. Even to long fingernails… 

In the end I had more fun than I thought, and the boys didn't complain about my zillion tactical errors, even when I repeatedly passed the ball to the wrong team member….Did they have a good time, regardless? Was my 先生 happy? I just hoop so.


L'attivita lavorativa e' parte importante della vita di un adulto, così come lo e' l'attività fisica. Le grosse compagnie offrono agli impiegati spazi ricreativi, palestre, stanze lettura o relax, eccetera. C'e' una ragione per tutto ciò: mente sana in corpo sano, o anche dire il cervello lavora meglio se il corpo e' attivo. Paradossalmente, le distrazioni sono essenziali in lavori dove la concentrazione massima e' richiesta come nella ricerca o nella programmazione. A meno che uno sia intrappolato in una gabbia di concentrazione, si tende sempre a distogliere l'attenzione dal monitor e fare altro per un po'.

C'e' un canestro nel nostro campus, e ci sono anche alcuni colleghi che giocano a basket. Ogni tanto li vedo che assieme giocano a pallacanestro li' all'angolo mentre il sole tramonta dietro il Fiji e colora tutto di oro rossastro. Si fanno prendere dal gioco, urlano, sudano, litigano, poi ritornano in ufficio pronti per un'altra ondata di attività cerebrale (lo sapevate che il cervello lavora in maniera ottimale in cicli di 90 minuti?).

Ora, non e' che io sappia giocare, e non sono neanche una appassionata del gioco, ma di tanto in tanto mi sono fatta convincere a andare con loro e guardarli giocare. E mi e' piaciuto tanto, visto che e' molto meglio vedere giocare persone che si conoscono invece che persone di cui si conosce appena il nome.
Ieri -ballet, goldie, bear, greek freak e altri- sono andati a giocare in un posto vicino e con la scusa di farmi dare un passaggio in macchina, sono andata con loro anche io e ho fatto la spettatrice. Ma visto che sono bravi a convincermi, alla fine mi sono cambiata pure io…Ebbene si, ho giocato anche io nientedimenoche pallacanestro!!! WAAAAAAAA!

Visto che tutti gli altri mi hanno esortato e visto che il mio allenatore D mi ha impartito il corso tutto incluso per principianti con il fai da te essenziale in soli 2 minuti, non ho avuto scusanti così ho giocato. E ho anche beccato un canestro -ovviamente la classica sfacciata fortuna del principiante. 

Poca fortuna invece hanno avuto quelli che ho marcato durante la partita. Rammento che non avevo la più pallida idea che avrei giocato uno sport abbastanza aggressivo (anche meno che io sarei stata aggressiva), quindi come avrei potuto sapere che dovevo tagliarmi le unghie….bollettino delle disgrazie: uno con un braccio e il collo graffiati, un altro ipotizzato graffiato ma non ci sono evidenze per confermarlo, il mio mignolo gonfio per via di una collisione (impatto con la palla o con il muscolo dell'avversario: non determinato), anulare dell'altra mano vicinissimo allo stesso destino del mignolo, una sacca di sangue sotto l'alluce causa sfregamento (oh, avevo le scarpe da corsa e quelle sono molto morbide), schiena dolorante. Ora non posso ne' usare la tastiera e ne' camminare…

Per fortuna (o per sfortuna, stiamo ancora considerando) avevo con me un cambio, ma solo perché pensavo di fare una corsa nel pomeriggio dopo il lavoro. Ma non si sa mai nella vita, meglio essere preparati. Anche alle unghie lunghe…

Alla fine mi sono divertita più di quanto credevo, e anche i ragazzi non si sono lamentati dei miei migliaia errori tattici anche quando passavo ripetutamente la palla al compagno di squadra sbagliato…Si sono divertiti comunque? Il mio allenatore e' rimasto contento? Boh, io spero di si.